Lampedusa Caleidoscopio di colori

Discover new places!

View all tours

Dolphins

Banner image

Tabaccara beach

Banner image

Isola dei Conigli

Banner image

Ci sono tre isole al limite orientale del canale di Sicilia che fino a qualche anno fa solo i geografi più pignoli riportavano nelle cartine geografiche. Perfino nelle carte del famoso e compianto colonnello Bernacca, nel meteo in tv della rai erano invisibili. Per molti anni e fino alla prima metà degli anni 80 del secolo scorso queste isole erano un mistero.

Stiamo parlando delle isole Pelagie, piccolo arcipelago siciliano, Lampedusa, Linosa, Lampione. Le tre sorelle, le tre L o sillabando La-Li-La. Questo sito tratta della maggiore delle tre e della più remota isola italiana al sud del sud, Lampedusa.

Lampedusa sale alla ribalta della recente storia mondiale e quindi conosciuta ai più, quando il 15 aprile 1986 il colonnello Mu’ammar Gheddafi a ritorsione dell’attacco degli Stati Uniti sulla Libia nella operazione “El Dorado Canyon”, decise di lanciare due missili Scud contro l’isola, cercando di colpire la base nato chiamata “Loran Station Lampedusa” vecchia base che trasmetteva un segnale radio che veniva utilizzato dai sistemi di radio navigazione chiamati Loran. Uno dei due missili ci andò vicino tanto che molti lampedusani sentirono un boato con annesso tremore tipo piccola scossa di terremoto. Fu così che per merito del Colonnello libico, Lampedusa fu conosciuta dagli italiani e dal mondo intero e posizionata nei libri di geografia. Moltitudini di giornalisti della carta stampata e della tv si riversarono sull’isola, che abituata a sonnecchiare cotta dal suo infuocato sole, si destò e prese con estrema lentezza coscienza delle sue potenzialità turistiche. Da allora è veramente cambiato tutto nell’isola. In un decennio si è passati dal totale oblio all’estrema notorietà di Lampedusa e del suo mare, dei suoi abitanti della sua natura, della sua accoglienza.

Il mare di Lampedusa dicevamo, fu frequentato da tutti i pionieri della subacquea italiana, il Comandante Raimondo BucherBruno VailatiFolco QuiliciRoberto MerloStefano Carletti e più recentemente anche dai più bravi apneisti italiani tra cui Umberto Pellizzari. Tutti questi grandi personaggi legati alla subacquea, alla fotografia, alla cinematografia subacquea, campioni di apnea erano e sono in un qualche modo legati al pioniere della subacquea di Lampedusa Salvatore Lo Verde. A lui ed alla sua cinquantennale esperienza nel mare di Lampedusa si devono molte immersioni particolari dell’isola.

Mare, spiagge ed entroterra. Le spiagge di Lampedusa, di un bianco che ti fulmina, che stordisce nelle giornate assolatissime di fine luglio. La regina delle spiagge di Lampedusa del vallone Dragut, famosa nel mondo con il nome di Spiaggia dell’isola dei Conigli, pluri premiata negli anni da tanti viaggiatori. la cala delle barche volanti, la Tabaccara. Tratteremo anche le meno conosciute e frequentate, dei luoghi più reconditi di Lampedusa dove poter trascorrere una sana giornata di mare.

La natura di Lampedusa, una continua scoperta di animali e vegetali endemici e non, dal coniglio selvatico al più piccolo coleottero alle specie simbolo di Lampedusa, la tartaruga Marina, il delfino dal naso a bottiglia, la balena. Ma non solo, tratteremo anche delle centinaia di uccelli migratori che frequentano l’isola, attraverso articoli o con le foto di Stefano Greco.

Tratteremo inoltre del meteo su Lampedusa con notizie ed osservazioni locali giornaliere anche attraverso i servizi internazionali meteorologici e le svariate carte da satellite.

Lampedusa un caleidoscopio di colori.